Recitazione

Recitazione

RECITAZIONE PRIMO ANNO

RECITAZIONE SECONDO ANNO

Corso di Recitazione

RECITAZIONE TERZO ANNO

Corso di recitazione terzo anno

Vivere onestamente una circostanza immaginaria data

Recitazione e istinto.

“Non fare niente finché non c’è qualcosa che ti spinge a farlo”
“Quello che farai non dipende da te ma dal tuo compagno”

Il (per) corso di recitazione triennale Anime Sceniche (che si articola in corsi di primo anno, di secondo anno e di terzo anno), prevede un training articolato e mirato a portare l’attore a farsi testimone delle emozioni vissute dal proprio personaggio. Si lavorerà sul come vivere onestamente le emozioni che appartengono all’allievo e sul come restituirle artisticamente.

L’obiettivo è quello di lavorare sulle dinamiche del funzionamento dell’animo umano, indagandone le reazioni momento per momento e individuando tutti quei meccanismi del quotidiano che impediscono il naturale fluire delle emozioni per rimuoverli a favore di una reazione autentica agli impulsi, di una recitazione basata sull’istinto e che porta a uno stare in scena in assoluto ascolto e fiducia in ciò che il personaggio sta facendo.

Il percorso, del resto, è basato sul fatto che la recitazione è l’abilità di vivere in modo onesto all’interno di un set di circostanze immaginarie date. Solo con questo presupposto, la scena “ti accade”.

Recitazione

Recitazione

Perché l’attore che entra in scena pronuncia le battute del copione?
Cosa lo spinge a farlo?

La prima fase del percorso didattico si pone l’obiettivo di allenare l’allievo a stare connesso con quanto accade, con il partner di scena e con tutti gli elementi della circostanza data, e a reagire organicamente liberandolo di tutto il lavoro “di testa”. Reagire momento per momento significa lasciar fluire le proprie emozioni senza reprimerle e senza aggiungere niente di superfluo. Si tratta dunque di una ricerca sul funzionamento delle emozioni che, però, non sono il fine del lavoro ma la conseguenza di uno stare in scena in assoluto ascolto e in totale onestà.

Proseguendo il lavoro didattico vengono forniti tutti quegli elementi volti a portare l’attore ad entrare in scena emotivamente pieno in linea con quelle che sono le circostanze del dramma.
Il lavoro svolto si pone il fine di guidare l’allievo nella ricerca della conoscenza di sé necessaria affinché comprenda come abitare realmente la scena e migliorare così le sue capacità espressive.

L’attore deve re-imparare ad accedere al nucleo delle proprie emozioni.

Nella seconda fase del lavoro infatti si indagherà sugli strumenti necessari a raggiungere lo stato emotivo voluto dal regista senza artifici mentali e senza attingere a esperienze passate, ma imparando a utilizzare una propria radice di verità che sia in linea con quella del personaggio del dramma.

Parallelamente alle fasi appena descritte, è previsto un training psico-fisico volto a liberare il corpo e a predisporlo a restituire artisticamente le emozioni a un pubblico che significa lavorare sulla pulizia e sul ritmo di parola e movimento.

All’interno del percorso triennale sono inoltre previsti seminari obbligatori e opzionali:

Seminari obbligatori:
Dizione e public speaking (da seguire entro la fine del secondo anno)

Seminari Opzionali: 
Contact Improvvisation
Movimento e Canto
Tecnica vocale

“Verità delle passioni, verosimiglianza delle sensazioni in circostanza data”
– Konstantin Sergeevič Stanislavskij (da Aleksandr Sergeevič Puškin)

DIZIONE E PUBLIC SPEAKING

Corso di dizione e public speaking

LINGUAGGIO FISICO

Linguaggio fisico

MOVIMENTO E CANTO

Movimento e Canto

CONTACT IMPROVISATION

Contact improvisation

TECNICA VOCALE

Tecnica Vocale